Per la bellezza diffusa. Contributi a fondo perduto per il contrasto al «non finito»

09/01/2021

Per la bellezza diffusa. Contributi a fondo perduto per il contrasto al «non finito»
Il Comune di Bauladu ha pubblicato un bando per la concessione di contributi a fondo perduto da destinare a privati cittadini e imprese per interventi di valorizzazione e recupero di immobili (ad uso privato o commerciale) ubicati nel centro abitato. 

L’iniziativa prevede l’erogazione di risorse nella misura dell’80% delle spese ammissibili, entro un massimale del contributo medesimo di 15.000,00 euro per immobile, ai fini della realizzazione di lavori di riqualificazione e adeguamento dei prospetti esterni delle abitazioni del paese. 

Le domande possono essere presentate entro il 2 marzo 2021. Attualmente la dotazione finanziaria sul bilancio comunale è di 82.000,00 euro, tuttavia l’Amministrazione Comunale intende rimpinguare il capitolo dedicato in base alle istanze che saranno presentate agli uffici dell’ente locale.    

In attesa della possibilità di organizzare un’assemblea pubblica volta a illustrare nel dettaglio il progetto,  per maggiori informazioni è possibile rivolgersi al Servizio Tecnico del Comune di Bauladu (dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 13, e il lunedì dalle ore 16 alle ore 18). 

*  *
 
«L’iniziativa intende promuovere la bellezza diffusa nell’abitato e, attraverso essa, creare reddito, occasioni di lavoro e valore nella comunità. Il decoro urbano infatti influisce sulla qualità della vita dei cittadini, sull’immagine del paese che trasmettiamo, sull’ospitalità e sull’economia locale. Per questo motivo la cura e il miglioramento degli spazi richiede il coinvolgimento e l’impegno di tutti. L’Amministrazione Comunale negli anni ha avviato un programma di interventi volto a riqualificare diversi spazi pubblici: si tratta di un percorso che può ottenere risultati pienamente qualificanti se accompagnato da azioni su edifici e aree private. Sono convinto che saranno numerose le famiglie che approfitteranno di questa importante opportunità»
(Davide Corriga, Sindaco di Bauladu)