Approvata una deroga per il rilancio del Piano per gli Insediamenti Produttivi

06/10/2020

Approvata una deroga per il rilancio del Piano per gli Insediamenti Produttivi
Il Consiglio Comunale di Bauladu, con la deliberazione nr. 23 del 24 settembre 2020, ha approvato una deroga “una tantum” alle norme del regolamento comunale per la concessione di lotti nel Piano Insediamenti Produttivi, con l’obiettivo di sbloccare la situazione attuale caratterizzata dalla presenza di 18 lotti di cui solamente 7 in attività. 

              Con il provvedimento adottato, l’ente locale invita i proprietari dei lotti che non hanno mai avviato l’attività di impresa a comunicare le proprie intenzioni entro 30 giorni dal ricevimento di una nota di diffida da parte dell’Ufficio Tecnico Comunale. I proprietari dei lotti potranno scegliere tra due opzioni: vendere l’area ad altra ditta oppure presentare il progetto per la realizzazione degli impianti (capannone o altro) destinati all’attività lavorativa. In entrambi i casi gli atti dovranno essere perfezionati entro 90 giorni dalla data di ricezione della diffida. Trascorso infruttuosamente il termine previsto si avrà la revoca dell’assegnazione con il conseguente rientro del Comune nella piena proprietà e libera disponibilità delle aree, senza obbligo di corrispondere al concessionario inadempiente alcun rimborso né del corrispettivo pagato per l’acquisto dell’area, né per eventuali investimenti fatti nell’area stessa.

La delibera approvata dal Consiglio Comunale prevede inoltre, nel caso dei lotti di proprietà di imprese che abbiano avviato e poi cessato l’attività di impresa, la possibilità per l’ente di acquistare il lotto e le costruzioni esistenti a prezzo di mercato. 
 
 «Il Piano per gli Insediamenti Produttivi rappresenta uno strumento fondamentale di politica economica e di sviluppo locale. La sua funzione è quella di incentivare la costituzione di imprese che possano apportare un incremento della ricchezza e del benessere per l’intero sistema locale, sulla base del quale si motiva e si effettua l’assegnazione dei lotti. Il provvedimento dell’amministrazione comunale è finalizzato al soddisfacimento del pubblico interesse, che in questo caso va identificato nello sviluppo dell’imprenditoria, in una crescita dell’occupazione e, in definitiva, in una ricaduta economica per l’intero paese. Obiettivi che non possono essere conseguiti se i proprietari dei lotti, una volta acquistati i terreni a prezzo agevolato, non avviano l’attività di impresa»